AMBIENTE > M5S VOLLA; SE VOGLIAMO CAMBIARE IL PAESE, DOBBIAMO CAMBIARLO PER MIGLIORARLO, E POSSIAMO FARLO SE IMPARIAMO AD ASCOLTARE TUTTI
M5S VOLLA; SE VOGLIAMO CAMBIARE IL PAESE, DOBBIAMO CAMBIARLO PER MIGLIORARLO, E POSSIAMO FARLO SE IMPARIAMO AD ASCOLTARE TUTTI

L'affresco con il Cristo di Elías García Martínez, rovinato dal restauro di Cecilia Gimenez

Giovedì 09 marzo, si è tenuto il consiglio comunale, avendo come punti all'ordine del giorno,

l’approvazione del Regolamento del Bilancio Partecipativo, a cui tutti i membri della commissione hanno lavorato in modo collaborativo, ed in linea con il programma elettorale del M5S.

È stata riformulata la composizione della Commissione Speciale per “l’istituzione di una Commissione di Indagine Conoscitiva, sullo stato di salute dei cittadini vollesi e nessi causali”, su una mozione proposta dal M5S Volla. Di cui ne sarò Coordinatore.

È stato approvato il regolamento per l’accesso civico e accesso generalizzato, con Delibera dell’ANAC N°1309 del 28/12/2016, dove si è stabilito che tutti i cittadini avranno il diritto di accedere a dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, al fine di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico (cittadini approfittate, chiedete pure agli uffici).

È stato approvato il regolamento per il Servizio di Vigilanza Scolastica ed il Regolamento delle Commissioni e del Consiglio Comunale, Art. 19 e 51, e su questo punto vorrei fare un focus.

In data 27 ottobre 2016 si è tenuto il Consiglio Comunale avendo tra i punti all'ordine del giorno l’istituzione di 5 commissioni speciali.

Premesso che, durante lo svolgimento del Consiglio Comunale anche il sottoscritto aveva espresso i nominativi per la composizione delle Commissioni Speciali, andando apparentemente in deroga a quanto stabilito dal dettato normativo, anche in relazione al fatto che durante lo svolgimento del Consiglio Comunale, in mia presenza non erano pervenute osservazioni in merito alle modalità di nomina, nominando quindi, membri esterni nelle commissioni speciali.

Pur considerando una pratica consolidata dal 2001, in data 4 novembre 2016, avevo protocollato una richiesta di chiarimenti in relazione alla corretta interpretazione del regolamento, che a mio modesto parere, è stato scritto con i piedi, richiamando una maggiore attenzione all'art. 17 del Regolamento delle Commissioni, che recitava:

Alle commissioni speciali possono essere chiamati a far parte anche componenti non appartenenti al Consiglio Comunale.

A mio avviso, l’articolo, citava la partecipazione di componenti non appartenenti al Consiglio Comunale come supporto per ciascun gruppo, e non in sostituzione degli stessi, a questo mio dubbio in data 4 novembre 2016 protocollai una richiesta ponendo un semplice quesito. Il giorno 8 novembre 2016, il Segretario Generale mi informa con una nota, che anche lui aveva formulato un quesito di legittimità alla Prefettura.

Fin qui tutto, chiaro. Avevamo espresso dei dubbi e chiesto un parere alla Prefettura di Napoli, che a sua volta aveva rinviato al Ministero degli interni.

Ma accade che il giorno 12 gennaio viene convocata la prima commissione per la modifica dello statuto e del Consiglio Comunale, senza attendere il parere dalla Prefettura. Il 19 gennaio un'altra commissione con successivo rinvio al 26 gennaio.

A quel punto considerando che non si era atteso un parere di legittimità per la composizione delle commissioni, sono stato costretto ad incontrare prima e scrivere dopo al Prefetto di Napoli. A questo mio legittimo quesito ho subito attacchi su tutti i fronti. Incompetente, ignorante, impara a leggere le carte, e sono solo alcune delle affermazioni a me rivolte. Il giorno 31/01/2017 il Segretario Generale mi notifica la risposta pervenuta dalla Prefettura di Napoli che ci dava ragione, invitando l’ente, in modo molto garbato, a modificare l’articolo del regolamento e di riformulare la composizione delle Commissioni Speciali. 

Ultimo punto fondamentale dell’ordine del giorno, è la Mozione presentata dal sottoscritto pochi secondi prima dell’inizio del Consiglio Comunale. La mozione presentata, era volta ad indirizzare all’Amministrazione vollese ad aderire alla manifestazione di interesse lanciata dalla Regione Campania, per l’istallazione di Compostiere di Quartiere, concesse ai Comuni gratuitamente.

Questo provvedimento se approvato, avrebbe permesso ai cittadini vollesi di poter risparmiare sulla tassa dei rifiuti, non meno del 20%!
Ma dopo la relazione fatta in aula, ho dovuto apprendere con grande dispiacere, che l’Assessore oltre a sminuire l’importanza di questa grossa opportunità, senza spiegarci quale proposta alternativa avesse nel suo programma, ha invitato i consiglieri a votare contro la mozione da me presentata. E bene ricordare, che l’Assessore, non ha diritto di voto, e non credo possa condizionare i consiglieri dicendogli cosa votare, a mio avviso si chiama ingerenza, e conoscendo i consiglieri, anche se in alcune cose hanno idee diverse dalle nostre, ritengo siano capaci di poter decidere in piena autonomia.

 

La mozione viene bocciata. Sono 5 voti a favore (Vaccaro Sergio, Manfellotti V., Viola Domenico, Montanino Raffaele e Aprea Ivan.), contro gli 8 voti contrari (Damiano Domenico, Russo Ivan, Iannone Angelo, Barone Salvatore, Sarnataro Carmine, De Simone Gennaro, Di Marzo Pasquale), 1 Astenuto (Donato Lino).

 

Questo è lo stato dell’arte, per adesso i cittadini continueranno a pagare la tassa sui rifiuti senza alcuna premialità. L’alternativa al conferimento della frazione organica oltre alla proposta da noi avanzata, non c’è. E se questa proposta dovesse arrivare come “proposta migliorativa” nel prossimo bando che si terrà a breve dai privati, accetterà secondo voi?

Ma noi andiamo oltre, “per il bene del paese” vi annunciamo che su proposta dei Consiglieri Regionali Campani del M5S, la manifestazione di interesse è stata prorogata fino al 30 marzo 2017.

Noi ritenteremo, ma credo sia fondamentale che i cittadini vollesi mostrino all’Assessore di voler cambiare, per risparmiare sulla tassa rifiuti tutelando anche l’Ambiente, oppure liberi di scegliere se continuare ad interrare o bruciare rifiuti.

La compostiera trasforma i rifiuti organici e sfalci da potatura in fertilizzante. {Apri l'allegato in basso}

L’attuale sistema politico vollese, mi ricorda un po Willy il Coyote. Quando oltrepassa il precipizio e resta sospeso. Sospeso, e sotto c’è un baratro di 1000 metri, ma non guarda giù, resta sospeso e noi a gridare, guardate giù, guardate giù.

Ciò che cerco di spiegare, è che il cambiamento avviene anche se si persiste a negarlo. Se vogliamo che questo paese cambi in meglio, bisogna pensare ad un paese dove la crescita della cultura, la crescita dell’intelligenza, la crescita dei rapporti umani, dell’ambiente, della vita, siano i punti cardini. Lo possiamo fare solo se determinati a voler cambiare per migliorarlo, non vorrei che il cambiamento avvenisse come il restauro maldestro di Cecilia Gimenez sul dipinto "Ecce Homo".

Non abbiamo alternative, facciamolo per le future generazioni. 

 
VOLLA; ALLARME INQUINAMENTO: IL PRIMO CITTADINO SEMBRA ESSERE AFFETTO DALLA MAYOR SYNDROME (La Sindrome del Sindaco SdS)

VOLLA; ALLARME INQUINAMENTO: IL PRIMO CITTADINO SEMBRA ESSERE AFFETTO DALLA MAYOR SYNDROME (La Sindrome del Sindaco SdS)

A gennaio un giornale locale segnalava che a Volla, ma non solo, dal primo gennaio 2020 al 16 gennaio erano stati raggiunti 14 giorni di sforamenti delle Pm10 e di Biossido.

VOLLA, UNICA NEL SUO GENERE. DA #PlasticFREE a #PlasticSI!
Segnalazione da via PALAZZIELLO - Erbacce e marciapiedi dissestati
Oltre il 70% dei MARCIAPIEDI a #Volla sono dissestati. Cosa si aspetta?
I VOLLESI BANCOMAT DELL'AMMINISTRAZIONE

I vollesi bancomat dell'amministrazione. La maggioranza si spacca per tutelare i cittadini vollesi. Le opposizioni insorgono. Basta indebitamento per le future generazioni. Siamo al collasso.

VOLLA; LE CASSE COMUNALI AL VERDE-PUBBLICO
M5S VOLLA; LA RELAZIONE DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE COME LE PEZZE SUL VESTITO DI ARLECCHINO.
COMPOSTIERA DI QUARTIERE, L’ASSESSORE HA DECISO. Addio alla politica dei rifiuti Zero! Da ZERO WAST, ZERO e BAST’!
M5S VOLLA; COMPOSTAGGIO DI COMUNITA', RIMODULATA LA MOZIONE
M5S VOLLA; LA TASSA DEI RIFIUTI PUO' ESSERE RIDOTTA
La tassa sui rifiuti si può ridurre, basta firmare i documenti che abbiamo inviato all'amministrazione.
VOLLA; COMPOSTAGGIO DI QUARTIERE
In molti comuni, parlare di compostaggio di quartiere purtroppo è ancora difficile, in quanto, chi per anni ha rappresentato queste comunità locali non ha mai avuto una visione di paese a lungo termine ne tanto meno rispetto per l'ambiente, che è bene ricordare, è il patrimonio che dovremmo lasciare alle future generazioni, colpa della concezione e modelli obsoleti di gestire un comparto.
PIAZZA E FORNO CREMATORIO, DUBBI A 5 STELLE
Ancora allarme roghi nella provincia di Napoli
Facebook

 

Newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre attività ?

Iscriviti alla nostra maling list.

Progetti

Parlamento

Applicazione